HOME arrow ACTIVIDAD arrow ESPECTÁCULOS arrow A.M.A.
 

A.M.A.

ALLA MIA ANITA

di C. Mela, musiche originali di A. Benedetti

con

Eva Beriatu (Anita) e Francesco Di Giandomenico (chitarra)

musiche originali Angelo Benedetti, spazio scenico e luci Fabio Rossi, costumi Eleonora Loprete e Cristina Calisti, drammaturgia e regia Cinzia Mela,

una produzione La Città Invisibile 2011

25 Giugno 2011

Festa del Pane - MAIOLO (RN)

 

 

Roma, giugno 1848

Qui tutto è tranquillo, la causa della repubblica va benissimo, oggi si blatera in questa che Gioberti è fuggito e che vi è revoluzione in Torino, Dio lo voglia! Coraggio cittadini, imitiamo i nostri fratelli di Romagna e Toscana.

A.

Caprera, 6 aprile 1882

Anita, my querida, compañera de my vida, questa mia non verrà mai spedita perché ormai vivrai in un luogo che non conosco. E' una sera bellissima, il cielo è sgombro da nuvole e le stelle compaiono una dopo l'altra man mano che si fa buio. Mi sono seduto al mio scrittoio, appena rientrato da una breve passeggiata. Ho visto il mare e le vele bianche di una nave che forse è diretta a Savona.

Quando la sera arriva, il mio animo si turba perché i miei ricordi si ravvivano e si riaccende il mio amore per te che si fonde con la sofferenza che deriva dalla tua mancanza e questo è il momento giusto per scriverti...

G.

 

Lui scrive di Anita ancora prima di conoscerla. Decide di conoscerla ancora prima di vederla. Ne ha bisogno. Anita non sa scrivere, è analfabeta, imparerà molti anni dopo, ma sa cavalcare meglio di lui. Sogna di conoscerlo. Lo seguirà fino alla morte.

La corrispondenza privata fra Anita e Giuseppe, anche quella mai spedita, anche quella mai scritta, restituisce il volto umano a chi della propria umanità ha fatto la storia dell'umanità.

Ma dove sono custodite la forza e l'energia che hanno permesso loro di seguire i propri sogni? E' solo storia di ieri?

Lo spettacolo, che alterna recitazione e musica, ripercorre a ritroso nel tempo le tappe fondamentali di un rapporto, quello fra Anita e Giuseppe Garibaldi, lasciando intravvedere sullo sfondo del racconto gli eventi storici di cui furono protagonisti.

 
< Anterior   Siguiente >

 

  Annuncio Pubblicitario